ConsUmorismo


img_05_big
 
 

Newsletter

Loading...Loading...


Polidream > Mangio sano vivo meglio

Mangio sano vivo meglio

 

A scuola Distributori automatici a Km. zero

Polidream Assoutenti informa i genitori sull’importanza di richiedere a scuola distributori automatici con alimenti biologici e a Km. zero.

Il sovrappeso in età infantile in Italia è molto più diffuso che negli altri Paese europei: un bambino su 4 è obeso, a dispetto delle nostre radici mediterranee.

Di qui l’idea di iniziare un’educazione alimentare a scuola, dove è più facile ingurgitare calorie «cattive», comprando con pochi spiccioli al distributore una merendina durante una pausa tra le lezioni.

L’obiettivo è quello di incentivare il consumo di frutta e verdura a scuola ed indirettamente in famiglia, aiutando i bambini/ragazzi ad assaggiare alimenti importanti per la loro salute, spesso scarsamente presenti nella loro dieta. I bambini, infatti, sembrano spesso prediligere alimenti industriali confezionati, magari di più pratico utilizzo e ben promossi da sofisticate strategie pubblicitarie.

In Italia il consumo di frutta e ortaggi è ben lontano dalle 5 porzioni raccomandate: frutta e ortaggi sono alimenti fondamentali per la conservazione della salute e la prevenzione di numerose malattie.

Diciamo stop alle bevande gassate e alle merendine farcite confezionate, perché ricche di additivi, zuccheri semplici aggiunti, acidi grassi saturi, sodio, dolcificanti, teina, caffeina, olio di palma; diciamo stop alle patatine fritte confezionate.

Sì invece ai biscotti, merendine e crostatine da forno, magari fatte con farina integrale, o altre farine non raffinate, e farcite con marmellata biologica; sì allo yogurt e al latte di soia, ai succhi di frutta 100 % senza zuccheri aggiunti; sì alla frutta e alla verdura fresca biologica e di stagione, di prima qualità, di almeno 5 varietà diverse pronta all’uso – confezionata in porzioni monodose, al naturale, senza l’aggiunta di conservanti e zuccheri.

Oltre ai prodotti freschi, ci sono tanti snack salutari, come la frutta secca, che possono essere inseriti facilmente nelle macchinette, e che rappresentano una fonte di calorie e grassi buoni per i ragazzi.

Fondamentale sarà la collaborazione con i farmer’s market locali e i panettieri, che potranno distribuire i prodotti da inserire. La Polidream Assoutenti creerà un filo conduttore tra le famiglie dei bambini coinvolti dal progetto e i piccoli coltivatori e produttori locali, per aumentare la cultura della spesa a Km. zero.

Finalmente anche una proposta di legge sostiene questo bello ma difficile percorso educativo; tale proposta di legge chiede che venga introdotto l’obbligo per gli esercenti dei distributori automatici di rifornire le «macchinette» a scuola di alimenti sani, freschi, naturali, biologici e a Km. zero.  

Alcuni istituti scolastici si sono già mossi in questo senso, mettendo a disposizione tali alimenti nei distributori a prezzi anche modici: da 70 centesimi ad un massimo di 2 euro.

 

Polidream Assoutenti tiene alla salute di voi bambini a scuola e non solo:

segui i nostri consigli

Diventa amico del Km. zero:

prima di inserire la moneta nel distributore automatico chiedi alla/al tua/tuo insegnante di leggere l’etichetta del prodotto che hai scelto.

Se  in etichetta leggi:

– olio di palma, olio di colza (grassi saturi);

– zuccheri aggiunti come sucralosio e aspartame (edulcoranti)

sodio;

nitriti e nitrati (additivi)

caffeina

 Non comprare quel prodotto: è dannoso per la tua salute!

 Prediligi i prodotti da forno e di origine vegetale a Km. zero: avrai aiutato il tuo organismo e il pianeta

 Chiedi di voler trovare nel distributore prodotti da forno fatti dal panettiere del tuo paese: biscotti, merendine e crostatine, magari fatte con farina integrale, o altre farine non raffinate, e farcite con marmellata biologica, yogurt e latte di soia, succhi di frutta 100 % senza zuccheri aggiunti, frutta e verdura fresca biologica e di stagione, macedonie e frutta secca. Ma soprattutto prodotti a Km zero.

Chiedi al tuo insegnante e ai tuoi genitori di voler conoscere il Farmer’s market del tuo quartiere.

Sai cosa vuol dire? Il mercato del contadino. La sua frutta e la sua verdura sono a Km. zero.

Sai cosa vuol dire km zero? Le sue carote, le sue arance non vengono da molto lontano, come avviene invece per molti prodotti dell’orto che troviamo nei supermercati, che viaggiano su dei camions per tantissimi chilometri, inquinando l’aria che respiriamo.

Non solo, spesso sono prodotti che sono coltivati con pesticidi, sostanze cattive per la salute.

 Invece i prodotti del Farmer’s market non viaggiano per tanti chilometri, e quindi sono amici del nostro pianeta e del nostro organismo, e inoltre sono coltivati in modo biologico.  

 

 

Elenco delle attività commerciali convenzionate

Leggi tutto

Consumatori e benessere degli animali

Leggi tutto

Archivio dei bollettini d'informazione

Leggi tutto