ConsUmorismo


img_05_big
 
 

Newsletter

Loading...Loading...


Polidream > Lo sportello del consumatore > Poste e Internet > ALTRI 40 MILIONI PER POSTE ITALIANE

ALTRI 40 MILIONI PER POSTE ITALIANE

Anche la Finanziaria di quest’anno, appena varata, ha stanziato 40 milioni di euro per Poste Italiane.

Motivazione: il mantenimento del servizio pubblico universale.

Ci troviamo di fronte ad una palese contraddizione: le Poste non sono più pubbliche, sono diventate un’azienda privata, ma lo Stato continua a finanziarle perchè devono garantire il servizio postale ai cittadini italiani.

O si apre ai soggetti privati o si torna al monopolio: questa terza via, tutta italiana, è ibrida e inutile.

Ibrida perchè non serve al mercato, anzi lo ingessa.

Inutile perchè sta causando i soliti disservizi agli utenti, anzi ne sta aggiungendo di nuovi, come i mancati recapiti di lettere e pacchi o le code interminabili agli sportelli.

In realtà, il servizio universale sta pian piano scomparendo, poichè uffici nuovi non se ne vedono, vi sono realtà densamente popolose non servite adeguatamente, i postini sono pochi e con contratti di pochi mesi, e via dicendo.

E intanto PosteItaliane diventa banca, punta sui fondi di investimento, stipula polizze, eroga prestiti o vende merci di qualsiasi tipo, con costi e tassi certamente non da "servizio universale".

E’ giusto che tutto ciò si faccia col "doppio" pagamento degli utenti?

La prima volta pagando allo sportello, e la seconda contribuendo ai suddetti 40 milioni l’anno?

 

Elenco delle attività commerciali convenzionate

Leggi tutto

Consumatori e benessere degli animali

Leggi tutto

Archivio dei bollettini d'informazione

Leggi tutto